Home > Cronaca, Cucina > Cucina: Attenzione al Pesce Crudo

Cucina: Attenzione al Pesce Crudo

Negli ultimi anni il consumo di pesce crudo è notevolmente aumentato.

Oltre ai piatti tipici del mediterraneo, come ostriche, alici, tonno salmone e pesce spada marinati, si sono aggiunti quelli della tradizione orientale come sushi e sashimi.

Nel consumare pesce crudo bisogna però stare particolarmente attenti; come spiega il Dott. Bruno Lontani, Direttore dell’Unità operativa Igiene degli Alimenti di Origine Animale dell’Ausl di Cesena, infatti il pesce crudo espone il consumatore al rischio di contrarre patologia legate all’ingestione di parassiti vivi.

Il rischio maggiore è rappresentato da Anisakis, piccoli vermi lunghi appena 1 o 2 cm, che possono trovarsi nell’intestino, nella cavità contenente le viscere e, a volte, nella muscolatura di pesci e molluschi come seppie, calamari ecc…

Nell’uomo questo parassita può causare dolori addominali, diarrea, nausa e vomito.

L’eviscerazione del pesce può scongiurare il problema, ammesso che il parassita non sia insediato nella parete muscolare.

Infatti l’Anisakis è molto resistente agli acidi come aceto e limone ma di contro è molto sensibile alla cottura e al congelamento.

Per evitare spiacevoli inconvenienti il consiglio è quello di cuocere sempre il pesce almeno per 10 minuti ad una temperatura superiore a 60 gradi oppure conservarlo in freezer almeno 24 ore a -20 gradi.

Oltre a questo è sempre molto importante, quando si acquista pesce fresco, controllare l’occhio, che deve essere convesso, e le squame e la pelle che devono presentarsi brillanti.

Per quanto riguarda i ristoranti, la legge italiana, impone a chi serve pesce crudo di congelarlo precedentemente per almeno 24 ore.

Quindi è molto importante per la nostra salute prestare molta attenzione a ciò che si mangia e si acquista.

Ho voluto riportare questo articolo (preso da 100igiene) dopo che, pranzando in un ristorante di pesce ho avuto seriamente paura di mangiare le Alici Marinate (un pesce crudo).

  1. Luca
    4 ottobre 2010 alle 16:55

    questo verme del pesce crudo lo conoscevo già, ne hanno parlato anche le iene un paio di settimane fa

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: