Home > Cronaca > Allarme terrorismo in Europa: quali sono i luoghi a rischio in Italia?

Allarme terrorismo in Europa: quali sono i luoghi a rischio in Italia?

La tv americana Fox News ha diffuso una lista di luoghi che secondo fonti dell’intelligence sarebbero possibili obiettivi di attentati terroristici. Tra i luoghi potenzialmente pericolosi non solo monumenti ma anche zone nevralgiche di città europee.

I terroristi hanno nel mirino una lista di obiettivi di alto profilo che va dalla Torre Eiffel alla Porta di Brandeburgo di Berlino. Lo rivela il rapporto dei servizi segreti fatto pervenire a Fox News. Le informazioni sulla minaccia sono filtrate mentre gli Usa stavano pubblicando un avviso di pericolo ai viaggiatori americani esteso a tutta l’Europa (Clicca qui per approfondire).

E il primo obiettivo italiano dei terroristi islamici è Fiumicino. Come sottolinea il giornalista del Corriere della Sera, Guido Olimpio, intervistato da Ilsussidiario.net, «in Italia il rischio maggiore di attentati terroristici è concentrato in alcuni luoghi simbolo, obiettivi preferiti dalle cellule di Al Qaeda perché conosciuti in tutto il mondo. Tra gli obiettivi sensibili ci sono il Colosseo, la Basilica di San Pietro, i Palazzi istituzionali e del governo. Ma non escluderei neppure alberghi o altri luoghi frequentati da molte persone, sul modello dell’attentato a Mumbai».

Ma non sono solo i luoghi simbolo a essere a rischio: nel nostro Paese sono oltre 13.664 i punti minacciati, di cui 2.960 solo in provincia di Torino. Tra gli obiettivi della Jihad le ambasciate, come quella israeliana in via Mercati a Roma, ma anche Villa Gernetto in Brianza, di proprietà di Berlusconi. Minacciate anche stazioni della metropolitana, prima fra tutte quella milanese. In cima alla lista ci sono anche luoghi di culto come la Sinagoga di Roma, già colpita nel 1982. Oltre a ponti come il Punta Penna Pizzone a Taranto, centrali elettriche come quella di Cerano a Brindisi e depositi di materiali radioattivi (l’ex reattore di Caorso in Emilia) (Clicca qui per approfondire ).

Il piano di Al Qaeda sarebbe quello di colpire contemporaneamente più città europee, sul modello degli attentati a Mumbai. A rivelarlo è stato Ahmad Siddiqui, un terrorista tedesco di origine afghana, detenuto in Afghanistan

Alcuni responsabili dei servizi segreti europei hanno manifestato irritazione per l’allarme lanciato dagli Stati Uniti dopo la scoperta del piano rivelato da Siddiqui. Lo scrive il quotidiano inglese The Guardian. I funzionari dell’MI6 (il servizio di controspionaggio inglese) minimizzano inoltre il legame tra la minaccia di Al Qaeda e l’incremento negli attacchi degli aerei Usa in Pakistan.

Articolo preso da Yahoo Notizie.

Categorie:Cronaca Tag:, ,
  1. 28 settembre 2013 alle 06:21

    It’s a shame you don’t have a donate button! I’d certainly donate to this excellent blog! I suppose for now i’ll settle for bookmarking and adding your RSS feed to my Google account. I look forward to new updates and will share this website with my Facebook group. Talk soon!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: